dala pena de Pieru Rumagnoli   

 

13.  La liberaziˇ dal Papa


 

Emo lasciato sta pora CitÓ nostra che s'arende ala fine del'eroica difesa contru n'esercito putentissimo, e adŔ la ripijamo cuj Ustriaghi che entra in citÓ al cumando del generale Wimpffen. El cumandante d'i difenzori, el culunŔlo Zambeccari, inzieme a n'antri po' de capi dela difesa utiene el zzalvacundoto pr'imbarcasse ala volta de Corf¨.

Na volta entrati in citÓ, j Ustriaghi se prepara pe' restÓcce parechio. La prima roba che fÓne Ŕ de fÓla fenita cula libertÓ de stampa e dichiarÓ e' statu d'assedio. Dato che, segondo el guverno de Viena, el generale Wimpffen nun era 'bastanza cativo, ce mandane 'n farabuto che se chiamava Von Pfantzelter, che nun ce penza dˇ volte a guvernÓ la citÓ cul pugno de fero. Ancona s'ariempe de militari: dato che nun zze sapeva ndˇ fÓli durmý, viŔ requisiti i cunventi che cuscý diventane caserme. J uficiali, invece, se cerca da mandÓli a stÓ de casa dai nobili e dai citadini pi¨ richi.

Raconta mý madre, che quantu lia era na fjola, la bigenona sua, che era na nubildona che duveva esse nata intorno al 1860, jÚ diceva che nun era vero gnente le robe che se studiava a scola sul Risurgimento, e che invece lia aveva sempre inteso dý dai genitori sui che j Ustriaghi era tuti gentilomini e che Garibaldi e Mazini invece era i nemighi dela religiˇ! Sta sturiela pe' dý che urmai c'era armasta solo la nubiltÓ bigota e papalina dala parte d'i preti e d'i Ustriaghi. Certo, i preti era arturnati in Ancona in pompa magna, ma la cunvivenza cuj Ustriaghi nun era el massimo, perchÚ sti danati li tratava a pesci in facia, ai puntifici, e li cunziderava - e ciavevane 'ncora ragiˇ! - ciamboti che nun era boni a guvernÓ.

Cu' stato d'assedio e la repressiˇ feroce, cumincia a cascÓ le prime teste. El patriota ancunetÓ Antonio Elia, amigo de giuvent¨ de Garibaldi, pe' na denuncia anonima jÚ perquisivane casa e ala fine ce truvavane solo 'n pugnale. Veniva purtato ale carceri de Santa Palazia e poghi giorni dopu el fucilavane inzieme a Magini, che era 'n cuntadý de Montesciguro acusato de ribeliˇ. A st'esecuziˇ seguiva na serie impressiunante d'aresti e perzzino de bastunature de perzzone anche solo suspetate. Chi ciaveva le armi dal periudo de prima, o l'aveva niscoste per bŔ, o l'aveva butate in mare o ntÚle fogne.

In Ancona ariva el Cumissario Pontificio, Monzignor Camilo Amici, che cuj Ustriaghi era na papamola e se faceva mÚte i piedi ntÚla testa dala matina ala sera. Ma quantu s'Ŕ tirato tropu la corda, come quantu c'Ŕ stata la visita in Ancona del famoso Marescialo Radetzki ("Quelo scý che era 'n gentilomo!", diceva la bigenona...), e Ancona s'Ŕ rimpita de lecaculi che facevane a cazoti per chi jÚ faceva la mejo acujenza, el vechio Gardinal Cadolini s'Ŕ rifiutato d'andÓlo a ricÚve e Ŕ armasto ntÚle tere sue de Montesciguro. A dimustraziˇ che pˇi 'ncora Ŕsse 'n reaziunario, ma si sei 'n Zzignore, cui cialtroni nun ce vˇi avÚ gnente a che fÓ!

Anche Pio IX era arturnato a Roma ntÚl 1850 e, tanto pe' gambiÓ, ntÚle chiese cantavane i Te Deum...sentirÚ, bruti pretacci, che razza de Te Deum ve canterÓ sta CitÓ, tempo dieci ani!

Pe' fÓ capý che tempi pudevane esse, ve digo che in Ancona, paro paro cume a MilÓ, se faceva e' sciopero del fume, visto che 'l tabaco era munupoglio de Stato e fumÓ vuleva dý dÓ i quadrini al guverno. AdŔ, pare na roba che fa rýde, ma a qui tempi c'era da rischiÓ el filo dela schiena a bastunate!

V'aricurdÚ de de qui quatro scalmanati che inzzanguinava la citÓ, e che Orsini (l'omo mandato da Mazini), cula furbizia pi¨ che cula forza, l'aveva arestati e de note l'aveva fati purtÓ a Spuleto per po' purtÓli a Roma? MbŔ, a Roma c'era 'n culunŔlo garibaldino che l'aveva fati liberÓ. Garibaldi miga era uno che stava a guardÓ tanto pel zzutile, e li vuleva usÓ ntÚl campo de bataja contro ai Francesi. Invece Mazini, che era n'idealista, nun era d'acordo. Ma Garibaldi, che giustamente era uno che le robe le faceva "ala garibaldina", l'aveva liberati lo stesso. Fenito 'l casý dela Ripublica Rumana, i pi¨ guzzi fra questi aveva fato pŔrde le tracce, mentre i meno svej era arturnati in Ancona, ndˇ invece c'era j Ustriaghi che nun 'spetava altro che de mÚteje le mÓ adosso. 'n po' l'hÓne fucilati, n'antri po' l'hÓne cundanati ala galera a vita. InfrÓ queli fucilati a Senigaja, c'era Girolamo Simoncelli, che prubabilmente, pureto, nun c'entrava gnente e nun era 'n dilinquente cume j altri.

Parlando de SimuncŔli, ve raconto na sturiela vera che Ŕ divertente. NtÚl 1912, a Senigaja, ntÚla bela piaza che c'Ŕ in fondo al Corzzo, stavane pr'inugurÓ na lapide celebrativa del centenario dela nascita de Pio IX, che cume v'ho dito, era senigajese. Tuto era pronto pel'inuguraziˇ del giorno dopu. e la lapide era cuperta da 'n nenzolo. Solo che de nˇte 'n po' de perzzone, che Ŕ armaste sempre anonime, ai preti j'hÓne fato u' scherzo...da prete: hÓne gambiato la lapide cun'antra lapide ndˇ c'era scrito: "Aquý nasceva Pio IX, assassino de Girolamo Simoncelli e d'i cumbatenti pe' la patria".

PenzzÚ 'n po' ala facia che avrÓne fato preti e vescuvi in pompa magna pel'inuguraziˇ! Sta bela burla Ŕ ricurdata intÚ na cartulina d'epuga che pudÚ vÚde aquý de fiancu.

Mý padre bonanima, che ai tempi de sta burla era 'n fjolo senigajese de 6 ani, e che su ste facende la penzzava in magnera 'ncora pi¨ anticlericale de me, me racuntava spesso de sto fatarelo, e tute le volte jÚ veniva da rýde! Io, cumunque, jÚ l'avria fata vÚde vulentieri a papa Wojtila sta cartulina, cuscý magari nun pijava la cantunata che ha preso a fÓ beato a Pio IX !!!

Ala fine del 1852, da Viena richiamane qul maledeto del cumandante Von Pfantzelter, e al posto suu ce mandane el generale conte Hoyos, che dal nome duveva da esse n'ungherese. Ancora fra i suldati c'era diverzi ungheresi, e propio su questi cuntava qul visionario de Mazini. DuvÚ da sapÚ che 'ncora l'Ungheria se truvava ntÚla situaziˇ nostra e lutava contro aj Ustriaghi. Diverzi uficiali ungheresi, acusati da vulÚ fÓ na sulevaziˇ al cumando del grande patriota Lajos Kossuth, era stati degradati ai liveli pi¨ bassi e molti de questi era stati mandati in Ancona cume suldati semplici, ma erene tuti echese uficiali. Dato che la CitÓ nostra ciÓ sempre avuto un debule pe' sto paese meravijoso che Ŕ l'Ungheria (tant'Ŕ vero che io l'ho scelta prÚ fÓcce el viagio de noze, penzzÚ ''n po'!), na simpatia che partiva dai tempi del re Matia Curvý e che cuntinuerÓ 'ncora ntÚl mondo inucente del palˇ, 'ncora qula volta s'Ŕ creato subito el feeling infrÓ la gente nostra e i suldati ungheresi. In Ancona, l'omo che duveva mÚte in pratiga i disegni de Mazini era Antonio Giannelli Sto Giannelli se teneva in cuntÓto cun dˇ sargenti ungheresi, nobili tuti dˇ, che era patrioti anti-ustriaghi. Mazini, invece, aveva mandato un bulugnese, 'n certo Neri, a urganizÓ la sulevaziˇ in Ancona. J Ustriaghi bÚcane a Neri, el fÓne cantÓ, e subito dopo bÚcane a Giannelli e ai dˇ ungheresi: tuti cundanati a morte. Giannelli s'Ŕ salvato pe' merito dela moje che era na bela dˇna che frequentava i saloti boni e cunusceva bŔ al cumandante Hoyos. Cuscý el prucesso s'Ŕ arfato n'antra volta e la pena de morte Ŕ stata gambiata cu' 'n po' d'ani de galera. Certo che Mazini, sarÓ stato 'n grande idealista, era avanti cui tempi de sciguro, ma ndˇ meteva le mÓ l¨, andava sempre a fený male!

NtÚl 1853 e 'ncora l'ano dopo, chi va male invece Ŕ i racolti de grÓ, e per de pi¨ ntÚl '54 schiopa n'epidemia de culera che ciavrÓ el massimo ntÚl'istate del '55. Qul'ano el novo gunfaluniere era el conte Michele Fazioli, na grande figura de liberale. Subito s'Ŕ truvato sul tavulo la patata bulente del culera e s'Ŕ dato 'n gran da fÓ, anzi era l'unigo ch'era armasto al posto suu perchÚ tuti j altri era fugiti. Qul pureto de Giannelli, che s'era salvato dala pena capitale e stava in pregiˇ, invece ha chiapato el culera e ciÓ lasciato le penne. Se raconta che l'unico che j'Ŕ stato vicino Ŕ stato Monzignor Amici, ma se raconta 'ncora che 'l poro Giannelli Ŕ schiatato de bˇto subito dopu che 'l munzignore j'ha dato na medicina. Cuscý a qualcunu jŔ venuto in mente che invece dela medicina j'ha dato 'l velÚ. Babilˇ se scandaliza e dice che queste Ŕ solo cativerie, io 'nvece.... ChissÓ cume Ŕ andata davero...ma queste Ŕ robe che le sa solo 'l Padreterno! NtÚl mumento pi¨ pegio del culera se 'rivava 'diritura a trecento casi al giorno: la gente muriva cume le mosche, el porto nun funziunava pi¨, adiritura era stato pruibito ale done de Scirolo, che faceva le lavandare, d'andÓ a pijÓ i pagni in Ancona perchÚ pudeva esse infeti!

Quantu st'epidemia tremenda fenisce, ala fine del'istate, la citÓ Ŕ in genochio. L'ecunumia Ŕ a pezzi, cul bloco del'ativitÓ del porto, le ativitÓ cumerciali Ŕ falite una dietro l'altra, e' stato de polizia 'ncora dura, e urmai sˇ ani!

NtÚl magio del 1857 c'Ŕ da registrÓ la visita de Pio IX in Ancona. De sta visita c'Ŕ armasto un resuconto molto particularegiato de u' storigo citadino baciapile, Evaristo Masi, che uviamente nun fa altro che ripŔte quantu era brau sto Papa e quantu la gente jÚ vuleva bŔ e che acujenza triunfale j'ha fato. Tute bale. Pio IX aveva urganizato sto viagio cul'idea de tastÓ 'l polzzo a guasi tute le citÓ dele Marche, cula scusa da andÓ in pelegrinagio a Lureto, cuscý se pudeva rŔnde conto de perzzona de che aria tirava dale parti nostre....e nun pudeva esse n'aria tantu bona, per cume s'era cumprumesso el Papa cuj Ustriaghi, e subito dopu la mazata del culera.

Emo dito che c'era dˇ scˇle de penziero su cume andava fata l'Itaglia: una de Mazini, che penzava che 'l populo se duvesse da sulevÓ, e una de Caure e del re piemuntese, che invece penzzava che l'UnitÓ d'Itaglia se pudeva fÓ solo cul'aleanze internaziunali. Mazini nun cavava 'n ragno dal bugio, l'ultima volta che j'era andata male era stata cula spediziˇ in Meridiˇ de Carlo Pisacane ("Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti!"...na puesia che giÓ da cume cumincia te mete alegria!). Invece Camilo Benzo, el conte de Caure, ciaveva l'ochio longo e dagiÓ da diverzi ani se stava a imischiÓ ntÚle vicende urupee - tipo la guera de Crimea - pe' guadambiÓ la stima e 'l zzustegno che jÚ saria servito a' Stato sabaudo picený, prÚ butÓ fˇri j Ustriaghi da casa nostra.

El '59 Ŕ l'ano dela Segonda Guera d'Indipendenza. Caure stavolte s'era preparato per bŔ e in Uropa s'era truvato j apogi giusti.La guera schiopa quanto l'Austria dÓ n'ultimatume al Piemonte de disarmÓ le trupe e Caure, che nun aspetava altro, uviamente jÚ risponde piche. J Ancunetani cure a frˇte a arulasse pr'i Piemuntesi: oltro 800 vuluntari! J Ustriaghi, che da Ancona nun era andati via mai ntj ultimi dieci ani, fa vený in citÓ trupe de tuti i tipi e canoni in abundanza, penzzando che magari sariane stati assediati. El Papa, che da principio nun ce credeva che i Francessi vulesse fÓ la guera inzieme al Piemonte e contru l'Austria, quantu vede che le robe se mÚte male, fa in freta a dichiarÓ la neutralitÓ de' Stato Puntificio. In Ancona el cumandante novo d'i Ustriaghi, el barone Mollynari di Montepastillo (che nome!), se mÚte a requisý tuto quel che pudeva, nunustante le pruteste del gunfaluniere Fazioli che diceva che 'l Papa aveva dichiarato la neutralitÓ.

La guera se mÚte subito bŔ: Piemuntesi e Francesi ariŔsce a incuntrasse prima che j Ustriaghi ariva a Turino, po' cumincia l'ufenziva e ariva na vitoria dietro l'altra. Cuminciane a zzompÓ cume i fagioli ntÚla pignata i Granducati emigliani e tuscani. Da nialtri nun se pudeva fÓ gnente perchÚ c'erene j Ustriaghi in quantitÓ industriali, ma j animi se stava a scaldÓ. Ariva na fregata francese davanti al porto, che se tiene fˇri tiro d'i canoni ustriaghi, e 'l cumandante del porto conte Milesi, va a salutÓ 'l capitano dela fregata dicendoje che pˇle entrÓ in porto, ma 'l francese jÚ risponde che Ŕ mejo de no. El cumandante ustriago manda na prutesta al legato puntificio, che na volta tanto nun se cumporta da papamola e jÚ risponde de stÓ calmo.

Al 4 de giugno c'Ŕ la grande vitoria francese de Magenta, j Ustriaghi se ritira su tuta la linea e ala grossa guarnigiˇ d'Ancona jÚ viŔ dato l'ordine de smamÓ e ragi¨nge j altri suldati oltre 'l Po. In freta e furia, j Ustriaghi 'bandona tuto e se fa rimpiazÓ dai puntifici, che prˇ erene poghi e male armati. C'era na dita de Bulogna che daj Ustriaghi s'Ŕ fata vŔnde a prezi da fine stagiˇ na muntagna de vetuvaje: sta dita se chiamava Prosperini, e se pˇle propio dý che intÚ sto caso el nome era propio azzecato! Era passati dieci ani meno sei giorni dal'arivo d'i Ustriaghi, e finalmente era fenita! Ancona se sentiva sulevata da 'n peso grosso 'n bel po'!

Certo che se c'era 'n mumento bono prÚ fÓ na sulevaziˇ, era questo, altro che tute le sciapate che s'era inventate Mazini e che era fenite male! E invece intÚ qul mumento, la citÓ nostra ha perzzo n'ucasiˇ d'oro. Nisciuno s'Ŕ vuluto pijÓ la respunzabilitÓ, nÚmanco 'l gunfaluniere Fazioli, che diceva che ero mejo a spetÓ. El legato puntificio, monzignor Randi, ciaveva na striza boja, e nu' jŔ parzzo vero che nun sucedeva gnente. Na figuracia, dýmolo pure. NtÚ qui giorni de fogo, a Bulogna c'era la rivuluziˇ, Perugia s'era sulevata, le citÓ dele Marche del nord da Pesaro a Senigaja s'era ribelate 'ncora loro, e nialtri invece gnente! El belo Ŕ che 'l fratelo del gunfaluniere, ciuŔ 'l conte Andrea Fazioli, era andato propiu a Bulogna a pijÓ ordini e j'avevane dito da dasse na smossa e da fÓla, sta sulevaziˇ!

La gente ma prˇ s'era infogata, e in Ancona c'Ŕ stata na gran manifestaziˇ publica, che ala fine 'l gunfaluniere Fazioli j'aveva dito a Monzignor Randi che a furor de populo l¨ duveva da smamÓ. El munzignore tremava tuto dala testa ai piedi, e nun zzapendo cusa fÓ aveva chiamato al cumandante d'i Gendarmi. ╚ aquý che Fazioli j'ha tirato fˇri na frase storiga che avria stechito 'n toro: "Le baionette e le palle dei suoi gendarmi avranno da passare pel mio corpo, prima di colpire il popolo!" Che omo!

El monzignore risponde che l¨ saria 'ncora smamato, e in freta pure, ma che prˇ nisciuno d'i tanti aveva fato i conti cui suldati che c'era drento ala Citadela, al cumando del generale Allegrini. E cun queli, chi ce 'ndava a discˇre?

I gendarmi se ritira a Osimo, e vˇj o nun vˇj, ala fine Fazioli Ŕ guasi custreto a fÓla, sta sulevaziˇ benedeta! Cui militari rintanati drento ala Citadela, e n'antri quatrumila suldati al comando del generale de Kalbermatten cuncentrati a Pesaro, in Municipio se tira su el triculore e se dichiara fedeltÓ al Piemonte.

Ma l'ora nostra ancora nun era sunata. Perugia ricasca soto ai puntifici, che era guasi tuti suldati svizzeri. Era j ultimi Svizzeri che cumbateva, perchÚ propio ntÚ qul'ano 1859, dopu le sanguinose bataje de Sulferý e San Martý, nascerÓ la Croce Roscia e j Svizzeri farÓ sapÚ, cu' oltro 'n zzeculo d'anticipo su tuto 'l mondo civile, che loro de guere nun ne vˇle pi¨ sentý a discˇre.

Alora, el de Kalbermatten se mÚte in muvimento e una a una mÚte soto a Pesaro, Fano e Senigaja. Pe' furtuna che 'l cumandante dela Citadela Allegrini, che fino a qul mumento era stato zzito e bono, s'Ŕ dimustrato na brava perzzona, andando a dý a Fazioli che era mejo a lasciÓ pŔrde cul guverno utonomo, in modo da ufrý la via de scampo a queli cumprumessi de brutu, che s'Ŕ imbarcati pe' Rimini. Po', per fÓ dispeto a qul cialtrˇ svizzero de Kalbermatten, Allegrini cun qui quatro gati che ciaveva, riocupa la citÓ e pruclama el ritorno del guverno puntificio. Defati, de Kalbermatten ariva in Ancona e nun ciÓ manco la sudisfaziˇ de pudÚ dý che aveva piegato la reistenza d'i ribŔli, perchÚ nun c'era armasto nisciun ribŔle.

Se pˇle dý che Ancona aveva perzzo n'ucasiˇ d'oro, perchÚ la Segonda Guera d'Indipendenza feniva bŔ pj piemuntesi, e cuscý le Rumagne, l'Emiglia e la Tuscana pudevane entrÓ a fÓ parte del Regno d'Itaglia. Nialtri duvÚmi spetÓ n'antro tantinŔlo.

In Ancona c'armÓnene in dˇ: Alegrini e de Kalbermatten, ch'Úmo visto che se guardavane in cagnesco. El primo aveva dimustrato d'esse inteligente e furbo, el zegondo era 'n zzupo de tera, che vuleva solo spÓrge el zzangue. A Roma, el guverno puntificio, che urmai era ala fruta, aveva dato ragiˇ propio a de Kalbermatten e aveva richiamato a Alegrý. La prima roba che fa de Kalbermatten Ŕ quela de mandÓ via a Fazioli e de mÚtece al posto suu el barone Bourbon Del Monte, che uno cul nome cuscý nun ce vˇle tanta fantasia pe' capý cume la penzzava. Ma in citÓ, dopu dieci ani d'ucupaziˇ ustriaga, nun c'era guasi pi¨ nisciuno che vuleva culaburÓ cun qula gentacia, e quindi nun s'Ŕ riuscito manco a truvÓ 'bastanza gente da mÚte ntel'Aministrraziˇ cumunale! El delegato puntificio artorna in Ancona in pompa magna, 'ncora che nun se'l cagava pi¨ nisciuno, e De Kalbermatten riceve ordine de partý ala ricunquista dele Rumagne e artorna a Pesaro.

Se studia a scˇla cum'Ŕ andata a fený la Segonda Guera d'Indipendenza: i Francesi se stufa e firma l'armistizio de Vilafranca...pecato perchÚ le robe stava a andÓ bŔ 'n bel po', ma era chiaro che Caure da solo miga jÚ la pudeva fÓ a cuntinuÓ.

El guverno puntificio se stava a incativý de brutu, perchÚ adŔ nun c'era pi¨ i Ustriaghi a cavÓje le castagne dal fogo, e a norde c'era i Savoja che stavane a fÓ la voce sempre pi¨ grossa. Ma prˇ ai papalini jÚ mancava el bracio armato prÚ pudÚ fÓ la repressiˇ, e de cunzeguenza hÓne duvuto arulÓ diverzi svizzeri, che a qul'epuga nun era nÚ richi nÚ pacifighi cume invece Ŕne adŔ.

In Ancona c'era mareta, e se tentava de fÓ n'antra sulevaziˇ...tropu tardi! I puntifici scˇprene tuto, el conte Fazioli capisce che nun tira aria bˇna per l¨ e se rifugia ntÚle Rumagne. Lý, al cumando d'un certo Giuseppe Garibaldi, e me scusarÚ se Ŕ pogo!, che ciaveva tuta l'intenziˇ d'andÓ pele spicce, cum'era 'bituato a fÓ l¨, se preparava la cunquista armata dele Marche! Erene tempi gluriosi: propio cume int'un filme, pj primi de nuvembre del 1859 era tutu pronto e 'l zzegnale dela sulevaziˇ se duveva dÓ cui foghi, da cŔnde uno dopu l'altro in cima ale muntagne del Muntefeltro giˇ fino a Macerata. I piemuntesi ma prˇ nun era d'acordo cu' sto piano: cume se studia a scˇla, a qui tempi era tuto 'n tira e mola infrÓ Garibaldi e Caure che ciavevane e' stesso ubietivo ma dˇ idee cumpletamente diverzze su cume fÓ pr'arivÓcce. Caure nun ne vuleva manco sentý a discˇre de n'atacu militare a' Statu puntificio, e de fuga richiama Garibaldi a Turino. Gnente sulevaziˇ! El bŔlo Ŕ - certo che a sentýle racuntÓ ai tempi nostri, ste robe fa guasi rýde - che sul monte Catria c'era n'incendio ntj boschi e alora qualcuno aveva penzzato che era 'l zzegnale pe' la sulevaziˇ! E po' c'era u' spiˇ in Ancona, el Dutor Erra, che faceva el dopiu giogo e era andato a racuntÓ ai papalini che stava pe' schiopÓ la Rivuluziˇ. Fenisce che nun se ne fa gnente ma che c'Ŕ diverzi aresti.

In ogni modo, se capiva che e' scontro fra papalini e piemuntesi, o prima o poi, duveva arivÓ. Era na facenda inevitabile. Defati, ntÚi circuli catolici de tut'Uropa se stava a discˇre se valeva la pena o no a difŔnde cule armi e' Stato Puntificio. Urmai, sia de qua che de lÓ, tuti aveva capito che la resa dei conti era vicina.

Al dˇ d'aprile del 1860 c'Ŕ l'inuguraziˇ del Parlamento itagliano: al re Vitorio Emanuele, a nome dela pupulaziˇ dele Marche e del'Umbria jÚ viŔ mandata na letera ndˇ jÚ se dice senza peli ntÚla lengua che vulevane fÓ parte del Regno d'Itaglia.

Christophe de LamoriciŔreL'omo che duveva difŔnde a ogni costo el dumigno tempurale del Papa, l'omo che ntÚ na magnera vergugnosa legherÓ el nome suu a quelo dela gluriosa citÓ d'Ancona, Ŕ 'l generale francese Christophe de LamoriciŔre (el ritrato Ŕ qui de fianco). Si ancora fino a na cinquantina d'ani fa in Ancona c'era el Scalo LamorisiŔ, mbŔ, el duvÚmo propiu a sto ciamboto d'un reaziunario francese! A penzzÓ che st'omo in giuvent¨ ciaveva ancora avuto idee liberali e prugressiste, ma po' aveva fato a cagnara cun Napuliˇ III e stava 'nvechiando male 'n bel po'! Sentý 'n po' cusa ciaveva da dý: "La rivoluzione, siccome altre volte l'islamismo, minacciava oggi l'Europa!" (...pare de stÓ a sentý discˇre l'unurevole Bossi, eh?). El belo, anzi 'l brutu,.era che truvava gente che jÚ dava rŔta: sotu ala bandiera sua s'era arulati belgi, irlandesi (el batajˇ dito "de San Patrizio") e francesi dela Vandea, queli famosi pr'esse stati contru-rivuluziunari: na bela spasa de gente, davero!

Intanto, la famosa spediziˇ dei Mile andava avanti ala grande. Se sa, Garibaldi nun ciaveva paura de nisciuno e ntÚla zzoca sua c'era da 'rivÓ fino al'Abruzo e oltro. Ma prˇ ce penzavane el re e Caure a tienÚlo bono - v'aricurdÚ o no del'incontro a Teano, quantu Garibaldi a denti streti al re j'ha dito: "Ubedisco!" ...? Ale Marche, Caure ce vuleva penzÓ l¨, e nun vuleva lasciÓ fÓ a qul mato de Garibaldi. LamorisiŔ, invece, ciaveva tuta n'antra idea ntÚla zzoca: nun zzolo l¨ vuleva difŔnde a Ancona, ma penzzava ancora da ripijÓ le Rumangne: poru ciamboto! Cumunque, la prima roba da fÓ, segondo l¨, era da rinfurzÓ le difese d'Ancona. I citadini nostri el vedevane cume el fume ntÚj ochi e j'avevane 'ncora mandato na leteracia ndˇ jÚ rinfaciavane el passato suu e jÚ facevane capý che a queli cume l¨, la gente nu jÚ vuleva bŔ. LamorisiŔ ciaveva pruvato a dý che l¨ era venuto prÚ fÓ stÓ mejo a tuti, ma nu jÚ dava reta nisciuno, al'infˇri d'i nobili e i preti. L¨, cumunque, se ne fregava e 'ndava avanti a fÓ custruý le difese e a arulÓ i vuluntari.

Invece da stÓ a sentý ale sciapate de LamorisiŔ, la gente s'infogava a sentý i sfragŔli che cumbinava Garibaldi cula spediziˇ d'i Mile. O, gente, ve sÚ dumandati mai infrÓ sti Mile quanti ce n'era d'Ancona?!? MbŔ, ce n'era dieci! E alora dýmoli tuti sti nomi d'eroi nustrani:

Augusto EliaCarlo Buratý, Lorenzo Garbunari; Eugenio Fabi; FeliciÓ NuvŔli; Demetrio Conti; Ricardo Zanni; Alesandro Bevilacqua; Giuseppe Torriani. E po' c'era Missori, che era nato a Mosca ma i genitori sui era d'Ancona!

Ma 'l pi¨ famoso de tuti era el decimo, Augusto Elia (el ritrato Ŕ qui de fianco) che Ŕ armasto famoso pr'avÚ fato da scudo a na palotula che era destinata a Garibaldi. Era fugito da Ancona in Ameriga e era amigo perzunale de Peppý (Garibaldi). NtÚla spediziˇ d'i Mile aidritura Peppý j'aveva dato el cumando de na nave. Purtato int'un uspedale sicigliÓ pi¨ morto che vivo dopu che j'avevane sparato, s'era ripreso ala grande - e per forza, no? Era d'Ancona! - e aveva ragiunto a Garibaldi. Cul'Eroe d'i Dˇ Mondi, aveva cumbatuto anche dopu, a Monterotondo e Mentana ntÚl 1867...inzzoma, era n'Eroe de queli buli 'n bel po'!

LamorisiŔ va in Umbria a ciacÓ na rivolta, e cume manca el gato i topi bÓla: in Ancona schiopa na rissa dietro l'altra infrÓ i suldati irlandesi, che sarÓ stata gente che ciandava giˇ pesante quantu se tratava de bÚve....ariva j Ustriaghi che se sfogane ntÚ sport che sapevane fÓ mejo, ciuŔ la repressiˇ...e infrÓ tuto sto casý, la gente se faceva sempre pi¨ fadiga a tienÚla a freno.

A sto punto, Caure capisce che Ŕ ora da dÓsse na smossa. Fa sapÚ ai patrioti d'Ancona che Ŕ arivato el mumento da stÓ cule rechie drizate, e cumincia a mÚte inzieme 'n pezetý del'esercito piemuntese oltro a 'n bel grupeto de vuluntari rumagnoli.

LamorisiŔ al zzervizio suu ciaveva 23mila omini, che nun era tanti, ma nun era manco poghi. ╚ che nun era n'esercito urganizato bŔ. E po', l¨ ha fato la cujoneria da scumÚte che Caure nun se saria mosso, e alora penzzava che st'esercito jÚ pudesse bastÓ contru a quatro ciamboti de vuluntari.

I cumitati de liberaziˇ dele Marche, che pijava ordini da Bulogna, era pronti: la prima sulevaziˇ schiopa a Urbý, po' de seguito tuta l'alta Marca: Cagli, Fusumbrˇ, e via discurendo. LamorisiŔ passa ala repressiˇ: in Ancona ntÚ na note viene arestate 22 perzone e se dichiara e' stato d'assedio. Caure manda n'ultimatume ndˇ diceva da scioje le trupe puntificie; po', senza manco spetÓ la risposta, tre giorni dopu ne manda n'antro diretamente a LamorisiŔ, e 'ntanto manda el generale Fanti (scý, quelo dela Via Fanti!) a varcÓ i cunfini e 'l generale Cialdini a fÓ na manovra a tenaja sia dal parte del monte che da quela del mare, da Pesaro a vený giˇ.

Ma a nialtri ancunetani, quel che c'interessa pi¨ de tuti Ŕ le manovre dela flota aj ordini del'amirajo Persano, che jÚ viŔ dato l'ordine d'arivÓ diretamente in Ancona 'ntanto che Cialdý a una a una se pijava tute le citÓ dele Marche: Fano, Senigaja, Jesi, e da lý se dirigeva verzo Osimo.

In Francia c'era l'imperatore Napuliˇ III che nun zzapeva bŔ che pesci pijÓ. LamorisiŔ jÚ stava propio ntÚl cavulo perchÚ ciaveva fato a cagnara tanti ani prima, ma prˇ nu jÚ stava tanto bŔ che i piemuntesi faceva el comudo de loro ntÚle Marche....e da nialtri, vista l'esperienza passata, c'era chi penzava che 'ncora stavolta pudesse andÓ a fený male pe' colpa dela Francia. Invece no: Napuliˇ III Ŕ armasto bono a Parigi e ha lasciato fÓ!

Arivamo a uno d'i capituli pi¨ buli del Risurgimento itagliano, la bataja de Castelfidardo, che sarÓ decisiva pele Marche, ma no pr'Ancona, che invece la liberaziˇ nostra sarÓ na storia pi¨ longa e sanguinosa....

La bataja de Castelfidardo, s'era capito da subito che saria stata inevitabile. I Piemuntesi aveva ucupato le Marche fino a Jesi, LamorisiŔ stava turnando indietro dal'Umbria e s'era riunito cul zzocio suu De Pimodan a Macerata. Cialdý j'ndava incontro: l'ubietivo era quelo de lasciÓ isulata Ancona e fÓ in modo da evitÓ che LamorisiŔ pudesse 'rivÓcce: pe' realizÓ st'idea, bisugnava cumbÓte. De Pimodan la situaziˇ l'aveva capita bŔ, tant'Ŕ vero che la sera del 17 setembre 1860 aveva dito na bela frase: "Domani, o tutti in Ancona, o tutti in Paradiso!" Visto che 'l Padreterno vˇle bŔ a tuti, a loro ha deciso da dÓje el Paradiso, e a nialtri Ancunetani la libertÓ!

AdŔ vedÚmo n'atimo cum'Ŕ andata: intanto dýmo subito che i Piemuntesi era pi¨ freschi d'i Francesi e d'i Puntifici, perchÚ era lý da pi¨ tempo, mentre i papalini aveva duvuto fÓ tuta la strada dal'Umbria, e a qui tempi miga c'era nÚ le utustrade e nÚmanco i mezi cingulati: se faceva tuto a pedagna!

Tuto cumincia dale parti del'Aspio: a surpresa, Ŕ De Pimodan che taca. I Piemuntesi ma prˇ resiste e anzi, dopo qualche ora de fogo e diverzi morti, cumincia a cuntratacÓ. Qul ciamboto de LamorisiŔ era armasto cule mÓ in mano, intanto che De Pimodan e j omini sui veniva mazati cume le mosche. Ancora De Pimodan ce lascia le penne, dýmolo pure, da eroe.. Cialdý passa al cuntrataco e quanto LamorisiŔ se decide a passÓ el Musˇ, urmai Ŕ tardi. perchÚ i Piemuntesi Ŕ arivati pratigamente a Numana. A sto punto, LamorisiŔ capisce che nun c'Ŕ pi¨ gnente da fÓ e che l'unica roba era turnÓ in Ancona, impresa miga facile perchÚ dopu avÚ passato el Musˇ le trupe sue era state acerchiate dai Piemuntesi. Mentre l'esercito suu se disperde, l¨ a cavalo jÚ la fa a fugý e pe' la strada del Monte Conero ariva in Ancona.

Villa FavoritaE finalmente, sta per sonÓ l'ora dela libertÓ 'ncora pe' la CitÓ nostra, I Piemuntesi era arivati a Scirolo, MassignÓ, al Pogio e aj Angeli, e, giˇ de soto, al'Aspio e ai piani dela Baracula.. Propio lý ala Baracula, ala famosa Villa Favorita (qui de fianco), aveva meso el quartier generale el Generale Fanti che era rivato dal'Umbria.

Cume sempre ntÚla storia, Ancona pare fata aposta pe' difŔndese e quindi el vantagio cel'ha sempre queli che c'Ŕ drento su queli che viene da fˇri...intÚ sto caso, i puntifici. Ndˇ c'era la tera muchiata, ciavevane piazato canoni: al Forte Scrima, al Monte Pulito, al Monte Pelago (che saria dietro Pietralacroce), sul Cˇle d'i Cappuccini, dapertuto. E in acqua, davanti al porto, avevane tirato na catena che duveva da evitÓ l'ingresso dela flota piemuntese.

La liberaziˇ d'Ancona.stavolta Ŕ arivata dal mare, ma ala fine de n'opera de sfinimento dele difese puntificie che invece era partita da tera. I piemuntesi cul passÓ d'i giorni, era riusciti a mÚte le zzampe sia sul Forte Scrima che a Pietralacroce, e po' ala fine adiritura era arivati aj Archi. I papalini capiva che nun c'era pi¨ gnente da fÓ, tanto pi¨ che nÚ I Francesi nÚ j Ustriaghi aveva mosso un deto pr'ajutÓli. Dal mare, che intŔ qui giorni era grosso 'n bel po', la flota del'amirajo Perzano canunegiava de cuntinuo, sia verzo Porta Pia sia verzo la Linterna.. A sto puto el genrale Fanti, visto che da mare se pudeva fÓ meno fadiga che da tera, dÓ ordine a Perzano da atacÓ el molo e la linterna.

Dev'esse stato u' sfragŔlo, la liberaziˇ d'Ancona: erimi al 28 de setmbre e in mezo ale londe tre navi piemuntesi se staca dal resto dela flota e punta verzo la Linterna. Solo che 'l mare grosso dava fastidio ale navi che sparava, sopratuto ala Vitorio Emanuele, sichÚ Perzano dÓ ordine ala Carlo Alberto d'intervený ancora lia. Guasi che se fusse ufeso da st'ordine, cusa te cumbina el cumandante dela Vitorio Emanuele? Prima fa finta d'ndÓ verzo la catena del porto, po' invece fa na virata brusca e se ritrova propio davanti ala Linterna. Parte le canunate e la Linterna zzompa pr'aria: un macŔlo! I difenzori a sto punto alza bandiera bianca. Ma 'l macŔlo nun era fenito: l'incendio ariva ala pulveriera e sucede el finimondo: tuta la Linterna precipita e mˇre centinaja de difenzori Ustriaghi.

AdŔ Ŕ propio fenita: Ancona era stata liberata ntÚla magnera pi¨ sanguinosa e pi¨ viulenta pussibile, dal mare. Qul ciamboto de LamorisiŔ, tanto urgujoso quanto scemo, 'ncora che capisce che nun c'Ŕ pi¨ gnente da fÓ, perde qualche ora perchÚ se vuleva arŔnde a Perzano e no a Fanti. Sto fato farÓ durÓ le canunate qualche ora de pi¨, ma cumunque ale nove dela matina del 29 setembre - e adŔ ciavemo chiaro ntÚla zzoca perchÚ una dele vie pi¨ grandi d'Ancona pija el nome da qula data - el fogo piemuntese fenisce, e ale dˇ del pumerigio, a Villa Favurita ala Baracula se firma la capitulaziˇ. La CitÓ se l'era cavata cun pogo: solo 4 erene stati i morti infrÓ i civili.

Lasciando pŔrde el Plebiscito, che ne parleremo ntÚl prossimo capitulo, se pˇle dý che da sto mumento Ancona Ŕ na CitÓ itagliana!

 


 Se voi scrive a Piero clica sula busta